Nutrizione cellulare attiva

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
Contenuti[Nascondi]

Avete mai sentito parlare di un trattamento indirizzato direttamente alla cellula, ovvero alla più piccola struttura vivente?
Il tuo corpo è formato da  ben 10000-30000 milioni di cellule in comunicazione tra loro, ed ognuna di esse deve essere in salute e ricevere i nutrienti necessari per svolgere le sue innumerevoli funzioni in modo corretto. Se questo non avviene, ecco l'insorgere di sintomi, problemi, malattie.
Se vogliamo stare davvero bene, non basta eliminare qualche sintomo fastidioso con i farmaci o comprare qualche rimedio naturale in erboristeria, bisogna andare molto più in profondità fino ad arrivare appunto al benessere delle nostre cellule. Ma come fare?

Obiettivo della nutrizione cellulare attiva

L’obiettivo della nutrizione cellulare attiva è quello di permettere ad ogni persona di incontrare uno stato di energia, vitalità e armonia, ovvero di salute che, secondo la definizione dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Salute), è uno "stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia". Bisogna infatti prendere in considerazione l’individuo nel suo insieme, includendo il suo stile di vita, la sua alimentazione, le sue esperienze emozionali… poiché esiste una stretta relazione tra tutto questo e la salute.

Errate abitudini alimentari, uno stile di vita sregolato, un ambiente di lavoro stressante, un livello elevato di contaminazione o un’assunzione cronica di farmaci sono tra le principali cause delle malattie moderne (obesità, diabete di tipo II, osteoporosi, stitichezza, depressione, ipercolesterolemia, ecc.); questo accade poiché causano una perdita di nutrienti e un accumulo di tossine nel corpo, ovvero negli organi, ovvero nei tessuti, ovvero nelle cellule. Quest'ultime soffrono, perdono la loro funzionalità e favoriscono la comparsa di disturbi e sintomi quali allergie, dermatiti, disfunzioni ormonali, mal di testa, nervosismo, sbalzi d’umore, crampi, stanchezza, disturbi del sonno, difficoltà digestive, gonfiori, ecc.

La nutrizione cellulare attiva ricerca la vera causa del problema e propone una soluzione partendo dalla profondità dell'organismo, ovvero dalle cellule.

L'importanza della cellula come sistema di riparazione

Prendiamo il caso di una ferita: grazie ai farmaci (chimici o naturali) noi possiamo disinfettare, cucire, accelerare la cicatrizzazione… ma se dipendessimo solo da queste sostanze la ferita non si chiuderebbe mai; è il tempo infatti quello che ne permette la vera guarigione, e il tempo non è altro che l'attivazione delle capacità di riparazione e rigenerazione delle cellule (in questo caso grazie alla coagulazione sanguigna, alle piastrine, al sistema immunitario e alla sintesi di nuovo tessuto).ferita

Questa è la vera base del processo di guarigione, il trattamento viene dall’esterno (creme, integratori, allenamento,...) ma la guarigione avviene all’interno (grazie al lavoro delle cellule); l’obiettivo di qualsiasi trattamento dovrebbe essere quello di stimolare il sistema di riparazione che è dentro ad ognuno di noi, sia nel caso di una ferita che nel caso di un disturbo come l'emicrania, la stitichezza, la stanchezza,... le nostre cellule sono sempre pronte ad intervenire.
Quindi perché non affidiamo più fiducia nelle capacità delle nostre cellule invece di cercare la cura solo in sostanze miracolose o nelle mani di ottimi medici e specialisti? Possiamo collaborare con loro e soprattutto con il nostro corpo per ottenere risultati ammirevoli, grazie alle nostre stesse capacità dimenticate o sottovalutate.

Come trovare la salute attraverso le cellule

Affinché la cellula funzioni correttamente è necessario alimentarla correttamente attraverso giusti carboidrati, proteine, minerali, vitamine, oligoelementi e acidi grassi. In particolare, tra i principali fattori scatenanti una disfunzione della cellula troviamo: una carenza di vitamine del gruppo B e oligoelementi, un eccesso di radicali liberi, una cattiva qualità dei grassi, una mancanza di proteine o di fibra.
Dal punto di vista dell'alimentazione, le cellule possono essere carenti di nutrienti per diverse ragioni: cotture prolungate e ad elevate temperature, conservazioni errate, consumo di alimenti raffinati (farine bianche, sale bianco, zucchero bianco,…) o acidificanti (carne e affettati, prodotti preparati industrialmente, prodotti salati,…), mancanza di qualità dei grassi consumati (saturi e insaturi),  presenza di metalli pesanti, conservanti o altri additivi, intolleranze (glutine, latte e derivati) e alterazioni della flora o della mucosa intestinale.
Inoltre il corpo umano, per garantire le molteplici reazioni biochimiche essenziali per vivere, dispone di proteine specifiche chiamate enzimi, che a loro volta devono essere attivate per funzionare. Gli unici capaci a realizzare questa attivazione sono gli oligoelementi come zinco, rame, selenio, cobalto, cromo… minerali presenti in piccolissime quantità nell’organismo però di un'enorme importanza. Purtroppo spesso gli oligoelementi scarseggiano all’interno del nostro corpo a causa di una ridotta assunzione con l’alimentazione, un’infiammazione intestinale, un problema della flora batterica, una presenza di tossine, uno stress eccessivo, ecc.

La soluzione? Restituire alle cellule salute e funzionalità attraverso due fasi:

  1. Fase di depurazione, poiché una cellula piena di tossine è una cellula che soffre e lavora male
  2. Fase di ristrutturazione, necessaria a colmare tutte le carenze nutrizionali presenti (oligoelementi, minerali, vitamine, acidi grassi, ecc.) con materie prime di qualità e naturali

È un metodo semplice e sereno che prevede un miglioramento dell'alimentazione, una depurazione del corpo e un aumento della fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità
La fiducia crea ottimismo, l'ottimismo crea emozioni positive e l'emozioni positive accelerano il processo di guarigione.

consulenza online
 acquista ora

 Per saperne di più leggi anche http://www.dieta10.it/consulenza.html

Letto 344 volte Ultima modifica il Giovedì, 10 Agosto 2017 21:54
Enrica Castellar

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.