Zucchero bianco e condimenti

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
Contenuti[Nascondi]

Diamo un'occhiata ai condimenti...devono essere quelli giusti per poter cucinare nel modo più sano possibile!

Cambiare la propria alimentazione non è un gioco da ragazzi, ci va tempo, costanza e soprattutto

tanta curiosità nel provare nuovi sapori.

Concedetevi dai sei mesi a un anno per riuscirci, perché è normale che nel mezzo si abbiano alcune ricadute o tentazioni.

Ci sono alimenti, come lo zucchero, che vengono assimilati dal corpo come vere e proprie “droghe” e lasciarli all’improvviso non risulta facile.

Cambiare alimentazione significa cambiare abitudini, ma ricordati sempre che è un cambiamento che fai per il tuo bene!

Partiamo quindi da qualcosa di semplice ma fondamentale: i condimenti.

NO al sale bianco raffinato

Il primo cambio che ti consiglio di fare nella dispensa è quello di sostituire del tutto due sostanze: il sale bianco e lo zucchero bianco.

Entrambi sono prodotti manipolati industrialmente e chimicamente che, a lungo andare, creano tossine e infiammazione nel tuo corpo. Servono principalmente a rendere più appetibili gli alimenti ma non dovrebbero essere utilizzati abitualmente e soprattutto in eccessive quantità.

Il sale bianco può essere sostituito con spezie, sale integrale o dell’ Himalaya, gomasio, salsa di soia e miso (sempre senza esagerare con la quantità).

Subito il sapore risulterà differente ma, se i prodotti cucinati sono di buona qualità, realmente non servirà il sale per dargli sapore.

Comunque sia, ti consiglio di ridurlo poco a poco, per abituare il senso del gusto ad accettare alimenti meno salati.

Il sale possiamo anche trovarlo nascosto in alimenti come: gli affettati, le olive, i sughi, la frutta secca salata, alcuni formaggi stagionati, i popcorn, il pane.

Quale zucchero fa meno male

Nel caso dello zucchero bianco, sostituiscilo inizialmente con lo zucchero di canna INTEGRALE biologico. Ma attenzione! Non è il semplice "zucchero di canna"! Deve esserci scritta anche la parola “integrale” o "non raffinato".

   ZUCCHERO BIANCO ZUCCHERO INTEGRALE
Sali minerali 30-50 1500-2800 
Potassio   3-5 600-1000
Magnesio  60-130 
Calcio  10-15  40-110 
Fosforo  0,3  14-100 
Ferro  0,1  4-40 

Tabella ricavata dal libro "Entender la nutrición celular activa" de Claude Lagarde.
Analisi della composizione micro-nutrizionale dello zucchero bianco e dello zucchero integrale (en mg per 100 mg di zucchero)

Poi piano piano, potrai provare con dolcificanti naturali come il miele, le foglie di stevia, lo sciroppo di mela, lo sciroppo d'agave, lo sciroppo d’acero, il malto di riso o di mais, lo xilitolo (ottenuto dal legno di betulla) o la lucuma, ovviamente anch’essi meglio se biologici.

L’obiettivo finale è quello di ridurre al minimo il consumo dello zucchero bianco iniziando da quell’aggiunta di troppo nel tè, caffè o latte e diminuendo il consumo degli alimenti che lo contengono (conserve dolci e salate, marmellate, sughi, succhi di frutta, bibite, merendine confezionate, prodotti di pasticceria, etc.). Leggere sempre bene le etichette! Lo zucchero si trova davvero dappertutto!

Anche questo non deve essere un cambio brusco, perché sentiresti un bisogno impellente di zucchero dopo neanche una settimana, e se la prima volta fallisci...non importa, ci riprovi!

Con quali oli e con quali aceti cucinare

Utilizza solo olio di oliva extravergine di buona qualità (prima spremitura a freddo) e se possibile biologico. Non comprare insomma quello più economico, spendi qualche soldino in più e fallo pensando che nella nostra dieta mediterranea è davvero uno degli ingredienti più utilizzati.

È importante anche la scelta del contenitore, se possibile scegli sempre quello imbottigliato nel vetro. Ricordati poi che l'olio di oliva non è l’unico olio esistente (a volte ce ne dimentichiamo); prova anche quello di lino, di girasole, di mais, di sesamo, di avocado, di arachidi, di cocco...tutti ricchi di proprietà interessanti e soprattutto con sapori nuovi da provare. Anche qui insisto sulla qualità e, se possibile, sul marchio biologico.

Per approfondire leggi anche l'articolo "Oli vegetali a uso alimentare"

Anche per gli aceti vale lo stesso discorso, attenzione agli aceti industriali in vendita in molti supermercati, hanno perso tutte le loro proprietà e sono tossici per la tua salute. Sostituiscili con aceti di mela, di vino o di riso biologici (di buona qualità), con del semplice limone o con il meno conosciuto aceto di umeboshi, utilizzato nella famosa dieta macrobioticaottimo per la salute (ricavato dalle prugne umeboshi, vedi foto, è utile per problemi come l'acidità gastrica, la stanchezza e l'influenza.).

umeboshi PRUGNE

Meglio l'acqua in bottiglia per cucinare?

Quando cucini verdure, risotti e minestrine o ti prepari caffè e tè, quale acqua usi?

Noti un cambiamento nel sapore dei tuoi alimenti (o bevande) quando utilizzi l'acqua del rubinetto? In generale, un sapore (e odore) differente rispetto all'acqua pura (mi riferisco a quella fresca di montagna) dovrebbe farci scattare un campanello d'allarme! Non è un'acqua letale ovviamente, ma potrebbe contenere un eccesso di calcare (acqua dura).

Sembra un problema da poco, ma sai realmente cosa provoca dentro di te?

- Prima di tutto, stai richiedendo al tuo corpo un lavoro aggiuntivo e faticoso;

- stressi il tuo fegato e i tuoi reni costringendoli a eliminare un eccesso di calcare inutile per il tuo organismo;

- stai generando prodotti tossici e di residuo nocivi per le tue cellule;

- puoi peggiorare un eventuale stato d'insufficienza epatica o renale a causa dell'eccessivo lavoro richiesto.

Vi consiglio di ascoltare questo interessante video, per imparare a scegliere la giusta acqua da bere e di conseguenza da utilizzare per cucinare: 

Gli altri condimenti nascosti e poco sani

Non dimenticarti di tutti gli altri condimenti a cui siamo tanto affezionati e abituati....ma che realmente non sono alleati della tua salute.

Sto parlando ovviamente dei dadi, del burro, della margarina, delle salse e della panna!

Iniziamo con i dadi per cucinare o i brodi già pronti...hai mai letto l'etichetta di questi prodotti? Spesso contengono tutto tranne le verdure o la carne dell'immagine della confezione! L'alternativa? Prepara brodi vegetali utilizzando direttamente le verdure o, in mancanza di tempo, mischiando il miso (un derivato della soia, antiossidante e utile per problemi digestivi) con alghe e spezie.

Evita la margarina (anche quella vegetale), forse non sai che viene preparata con oli raffinati ed è spesso ricca di grassi saturi nocivi per la salute. Non è affatto una buona alternativa al burro!

Il miglior modo per ridurre l'utilizzo del burro è in realtà quello di sostituirlo il più possibile con oli come quello di cocco, palma, arachidi, oliva e colza (di buona qualità); quando proprio non puoi farne a meno, per esempio per preparare una deliziosa torta, sceglilo almeno biologico, fresco, senza coloranti e conservanti.

E la maionese, il ketchup e la panna? Esistono diverse panne vegetali, come quella di soia o di riso (biologiche),

davvero delicate e ottime per sostituire la panna animale, provala! Invece di spalmare della maionese o del ketchup sul tuo panino, prova con una crema di legumi facile da preparare in casa, il tahin (buonissima crema di sesamo), un paté di olive o tanto altro ancora.

Come riuscire a cambiare queste abitudini 

Mi rendo conto che in quest'articolo ti propongo parecchi cambiamenti... ma non è così difficile come sembra.

Inizia eliminando i condimenti "indesiderati" dalla tua dispensa o dal tuo frigorifero. Semplicemente non comprarli più, prepara una "nuova" lista della spesa e dedica una mattina o un pomeriggio alla ricerca dei tuoi “nuovi condimenti”.

Una volta comprati, inizia l’esperimento!

In poco tempo, solo per aver cambiato queste poche abitudini, potrai iniziare a stare meglio e a ridurre fastidi quali gonfiori, ritenzione idrica, acidità, sensazione di pesantezza,...e molto altro ancora. Credimi, ne vale la pena!

Per aiutarti con la lista della spesa, qui di seguito troverai una serie di prodotti di buona qualità che potrai comprare direttamente su internet; sono prodotti che io stessa ho provato e che consiglio abitualmente ai miei clienti in negozio con un ottimo risultato.

Condimenti da acquistare

 

MALTO DI RISO BIO
MALTO DI RISO

 

OLIO DI SESAMO BIO

olio sesamo

ACETO DI UMEBOSHI

umeboshi

compra su amazon 
compra su amazon
compra su amazon

 

TAHIN BIO

tahin

 

 

MISO BIO

miso

compra su amazon 
compra su amazon

Grazie per aver letto questo articolo

In caso di ulteriori consigli contattami o richiedi una consulenza online

Letto 739 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Maggio 2017 11:23
Enrica Castellar

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.