I cereali sono alimenti che contengono in ottime proporzioni tutti i gruppi di nutrienti utili per l'alimentazione umana: carboidrati, proteine, grassi, vitamine, minerali, fibra e acqua (che incorporano durante la cottura). In una dieta salutare dovrebbero rappresentare circa il 50% degli alimenti giornalieri, come nel caso della dieta mediterranea, dieta vegetariana, dieta vegana e dieta macrobiotica.

In commercio si possono trovare in diverse presentazioni (chicchi integrali o pelati, fiocchi, semole, paste, farine, pane, gallette, ecc.) ma per assimilare al massimo tutta l'energia del cereale è sempre meglio mangiarne il chicco integrale cucinato al momento. Infatti se un cereale è schiacciato (fiocco) o triturato (farina) perde parte del suo potere energetico e diventa più suscettibile all'ossidazione dei grassi che contiene. Se invece è un cereale raffinato, quindi bianco, ha perso componenti essenziali della sua struttura, come il germe, e quindi importanti proprietà nutritive.

Una dieta terapeutica dovrebbe quindi sempre prevedere una buona base di chicchi, soprattutto integrali e riservare per un consumo occasionale il pane, le farine e gli altri derivati. In caso di problemi digestivi o di ulcere, è consigliabile invece utilizzare prodotti semi-integrali o creme di cereali integrali (come quelle per i bambini).

Come sempre ti consiglio di acquistare cereali di buona qualità, se possibile biologici, per evitare anche in questo caso spiacevoli ingredienti quali metalli pesanti, additivi e residui di pesticidi. 
Purtroppo, in riferimento ai cereali, sempre più spesso si sente parlare di intolleranza al glutine; questo tema è strettamente collegato alla qualità del cereale, ma andiamo a vedere di cosa si tratta.