Proteine animali

Scritto da
Vota questo articolo
(5 Voti)
Contenuti[Nascondi]

Per avere una visione più completa sulle proteine, ti consiglio, se non l'hai già fatto, di leggere anche l'articolo "Proteine vegetali" dove potrai trovare un elenco delle principali funzioni delle proteine, imparare il significato di "valore biologico" e scoprire come ricavarle dagli alimenti vegetali.

Se vuoi saperne di più su quali sono le proteine di origine animale, scoprine i principali difetti e pregi continua a leggere...

La carne

La carne è un alimento ricco di proteine con un elevato valore biologico, acqua, lipidi, vitamine del gruppo B (B12) e ferro.

Nonostante questo però sono molti i difetti che incontriamo:

  • è ricca di acidi grassi saturi, sodio e colesterolo 
  • non contiene fibra e antiossidanti
  • un consumo quotidiano può dare fenomeni di putrefazione all'interno dell'intestino, accumulazione di acido urico nelle articolazioni e richiedere un lavoro eccessivo da parte del fegato e dei reni per l'eliminazione delle sostanze tossiche che si producono
  • da un punto di vista energetico, le proteine delle specie animali più simili alla nostra, sono quelle che interagiscono maggiormente con il sistema ormonale ed energetico, causando un indebolimento del corpo

Inoltre, dopo una bella abbuffata di carne, non è difficile notare un aumento della sete, una riduzione della quantità d'urina (odore più forte, colore scuro), un maggior calore corporeo, un sonno agitato o un aumento dei desideri sessuali. Tutto questo succede perché l'organismo sta trattenendo acqua per diluire ed eliminare l'eccesso di proteine e il sistema nervoso sta cercando di ristabilire un equilibrio.

Ma il problema più grande sul consumo della carne, è in realtà la quantità di sostanze che possiamo trovare al suo interno senza nemmeno saperlo: ormoni, antibiotici, coloranti, conservanti, pesticidi e grassi saturi.

Come fare quindi? La qualità di quello che ingeriamo è al giorno d'oggi la cosa più importante che dovremmo ricercare. In generale, se proprio non si vuole rinunciare a un buon piatto di carne, dobbiamo assicurarci della sua provenienza: devono essere animali sani, cresciuti in modo naturale o in libertà e alimentati con buoni mangimi. Il mio consiglio è quello di cercare un buon macellaio, che possa dimostrarti tutto questo (con foglietti informativi, etichette o certificazioni BIO) e abbandonare quella carne confezionata e dalle lunghe scadenze.

In definitiva consuma soprattutto carni bianche (pollo, tacchino, coniglio,etc.), meno quelle rosse, riduci i derivati come gli affettati e ricordati che una volta la carne era un bene di lusso, consumato solo poche volte al mese (1 volta a settimana).

Per saperne di più e preparare piatti sani a base di carne leggi anche l'articolo "Ricette facili e sane con la carne".

Il pesce

Una buona alternativa alla carne è sicuramente il pesce, più facile da digerire, con un contenuto inferiore di proteine ma ricco di acidi grassi polinsaturi e minerali

Purtroppo a causa dell’inquinamento dei mari, molte sostanze tossiche e metalli pesanti si accumulano irreversibilmente nel grasso degli animali durante la loro vita. Per questo, in generale, non bisogna esagerare con il consumo di pesci grandi ricchi di grasso (come il salmone) ed è preferibile mangiare pesce poche volte al mese (2 volte a settimana) con preferenza di pesci piccoli.

Per saperne di più e preparare piatti sani a base di pesce leggi anche l'articolo "Ricette facili e sane con il pesce".

VIDEO "Con che frequenza mangiare il pesce?"

Le uova

E l’uovo? È un alimento molto completo, carico di proteine di ottimo valore biologico, vitamine A e D e minerali (fosforo, potassio, ferro); l'albume è ricco di proteine e acqua, il tuorlo di fosfolipidi (tra cui la lecitina), colesterolo, proteine, minerali e carotenoidi.

In eccesso però può sovraccaricare reni, fegato e cuoreAnche in questo caso meglio consumarne poche unità al mese (2-3 a settimana) e cercare la qualità!

Impara a leggere i codici che trovi su ogni uova, evita quelle generate da galline alimentate con mangimi ricci di antibiotici e ormoni e costrette a vivere in gabbie o capannoni sotto luci sempre accese (codici 3 IT e 2 IT).

Consuma solo uova provenienti da galline alimentate con prodotti sani e allevate all’aperto (codice 1 IT) o biologiche (codice 0 IT).

uova

Il latte e i latticini

Contengono zuccheri (tra cui il lattosio), grassi, proteine, vitamine A e del gruppo B e minerali come calcio e fosoforo.

Per quanto riguarda il latte il mio consiglio per tutti è quello di ridurlo al minimo o eliminarlo dalla dieta in caso di tumori, malattie croniche, allergie o malattie respiratorie. Realmente un adulto non ha bisogno di bere il latte per crescere! È un buon alimento completo per il lattante  ma, come tutti sappiamo, con l'avanzare dell'età si può sviluppare una vera e propria intolleranza al lattosio (a causa della diminuzione della produzione dell'enzima lattasi, indispensabile per la corretta assimilazione e digeribilità del latte). Inoltre se questo liquido bianco, all'apparenza così candido, è di origine industriale, possiamo incontrare al suo interno ormoni, pesticidi, antibiotici, pus (provocato dalle mastiti dell’animale), conservanti e altri additivi.

È scientificamente provato che l’abuso di latticini può portare a intolleranze, infiammazioni, asma, sinusite, allergie, problemi a livello del sistema immunologico ...e addirittura tumori. Questo in gran parte perché i grassi saturi stimolano la formazione di mediatori dell'infiammazione (e quindi lo scatenarsi di infiammazioni) e alcune proteine del latte (come la caseina) sono immunogeniche e alla larga indeboliscono il sistema immunitario.

Se proprio non puoi farne a meno, il mio consiglio è nuovamente quello di cercare la qualità e di utilizzare i latticini solo come condimenti aggiuntivi e non come piatto principale!

Inoltre al giorno d’oggi è possibile trovare una varietà di latte vegetale impressionante uno più buono dell’altro (di mandorla, nocciola, riso, avena, farro, soia, quinoa,..); sono meno calorici, senza grassi saturi, ricchi in proteine. L’ideale sarebbe ogni settimana bere un latte differente e non ossessionarsi con uno in particolare, e anche in questo caso, cercare la massima qualità (meglio se biologici). L'alternativa migliore che io personalmente consiglio ai miei clienti, è quello di prepararsi il latte vegetale in casa. Come? Leggi l'articolo "Perché bere il latte vegetale" e imparerai a farne di diversi tipi. 

In questo video potrai anche ascoltare il punto di vista di Colin Campbell, biochimico e nutrizionista, autore del libro "The China Study"

 LIBRO THE CHINA STUDYcolin libro
 compra su amazon

Proteine per il menù settimanale

Se sei abituato a mangiare prodotti sia di origine animale che vegetale, una cosa che ti consiglio di fare è alternare le proteine scegliendone una o due diverse ogni settimana. In questo modo potrai anche sperimentare una settimana di dieta vegetariana (scegliendo tra uova, latticini, legumi e derivati, seitan, cerali, frutta secca, semi, alghe) o una di dieta vegana (legumi e derivati, seitan, cerali, frutta secca, semi, alghe) evitando un cambio brusco nelle tue abitudini e scoprendo quanti benefici può apportare al tuo corpo.

Qui di seguito ti lascio dei consigli orientativi per aiutarti nella scelta delle proteine per il tuo menù settimanale:

PREFERIRE latte vegetale, legumi secchi (soia, ceci, lenticchie...), cereali integrali (riso, farro, avena, miglio, grano saraceno, mais, segale, grano, amaranto, quinoa), carne bianca, pollame, pesce magro (merluzzo, baccalà, sogliola), yogurt magro bianco o vegetale di soia.

MANGIARE IN POCA QUANTITÀ uova, pesce azzurro (salmone, tonno, sgombro...), formaggi, tofu, tempeh, seitan.

RIDURRE/EVITARE latte e latticini, affettati, fegato, carne rossa, pesce fritto, gelati, creme, budini, panna, dolci a base di latticini, farina bianca, cereali bianchi (pasta, riso), burro.

Grazie per aver letto questo articolo

Letto 2356 volte Ultima modifica il Giovedì, 09 Marzo 2017 11:16
Enrica Castellar

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.